In questi giorni Parco dei Buoi è crocevia delle vacanze dei nostri amici.
Gli abbonati all’orto, ma non solo, vengono a salutarci ed a respirare l’aria di questo pezzo di Molise.
Già il Molise..
Marco dice:
La regione invisibile, ma così buona e sincera come pane olio e pomodoro
Ieri invece è venuto a trovarmi insieme a Michele Vitale, presidente dell’Associazione Amici dell’Italia, Jean Paul di De Pure Keuken.
Uno chef olandese che in agosto, a Hertogenbosch terrà una tre giorni full immersion nella cucina italiana ed in particolare molisana.
Un olandese in Molise? Già,pare che il Molise sia terra fertilissima per i Tulipani.
Iniziano ad essere in molti (nordici ed olandesi in particolare) ad accorgersi di questo fazzoletto di terra acquistando case nei centri storici, terreni ed addirittura avviando attività di ospitalità dirette anche o forse soprattutto a conterranei d’oltralpe.
Insomma una regione invisibile agli indigeni(!) che invece improvvisamente compare
quando si scoprono cose del genere completamente ignorate dagli indigeni.

[coolplayer width=”480″ height=”380″ autoplay=”0″ loop=”0″ charset=”utf-8″ download=”1″ mediatype=””]

[/coolplayer]

 

Ma soprattutto, quando si assaggia…..pane, olio e pomodoro!

4 Responses to “La forza del…pane, olio e pomodoro”

  1. andrea, Reply

    Terra fertilissima anche grazie al vostro lavoro. Al lavoro di gente come voi, che riesce a superare vecchi e ignoranti pregiudizi, portanto la cultura della propria regione alla conoscenza di tutti

  2. Michele, Reply

    grazie Francesco per l’ospitalità che ci hai regalato nella tua splendida fattoria. Jean Paul ora sta continuando il viaggio in Toscana, ma mi ha già detto che per lui l’Italia vera è ora il Molise. Grazie a tutto quella che ha visto durante la sua breve visita da noi, a cominciare dalla tua fattoria. P.s. abbiamo fatto con i tuoi pomodori e peperoni uno spettacolare sugo con le cozze.

  3. Francesco Travaglini, Reply

    Grazie Andrea, spero di vederti presto giù in Molise!
    Al più presto ti manderò quello che mi hai chiesto

    Michele, non avevo dubbi che Jean Paul, dopo aver fatto un giro “giusto” come quello che stai progettando tu ;-),
    accompagnato poi da Bobo Vincenzi, rimanesse folgorato da questa splendida terra e dai suoi sapori così intensi, semplici e sorprendenti.

    p.s. la prossima volta, organizziamo una bella “tavolina” una sera a Parco dei buoi…. quel sugo con le cozze mi stuzzica un bel pò 😉

  4. andrea, Reply

    In molise? molto volentieri. Così potrei approffittarne per andare a trovare anche un altro paio di persone a me molto care. Questo molise!!!

Leave a Reply

*