La prima volta ho parlato con Lancelot una sera a mezzanotte quando mi chiamò dopo uno scambio di commenti sul blog. Un vulcano di simpatia e cordialità.

Siamo partiti da Modena domenica sera e abbiamo raggiunto a tarda ora la sua trattoria Pegaso a Gavardo.

Unica, come lui e i suoi collaboratori. Ci hanno reso partecipi al loro convivio con uno splendido menù lungo un sentiero di montagna.

Un peccato non aver potuto meditare, erano le 23 e Giulia poverina era ormai al limite, su quei splendidi carpacci di manzo e cervo  con parmigiano di 40 mesi.

Ho finalmente assaporato il gusto del Bagoss su dei fantastici maccheroncini e poi i raviolini con ripieno di manzo hanno rigenerato le nostre papille.

Un merlot del garda dal fruttato eccelente ci ha sorpresi.

Adriano complimenti a te ai tuoi collaboratori fantastici compreso il tuo gatto Zigulì che è riuscito a tenere sveglia Giulia giusto il tempo per permetterci di percorrere, purtroppo di corsa, il tuo fantastico sentiero di montagna!

4 Responses to “Lancelot e il sentiero di montagna”

  1. Terry Hughes, Reply

    Francesco, sorrido perche’ a Gavardo anche per noi la serata era lunghissima e sovrabbondante. Adriano e’ davvero “vulcanico” di simpatia e cordialita’, un grande tipo.

    Quel merlot, era dei Trevisani? Sono vicini di Liloni e bravissimi, e i loro vini sono ottimi.

    Ciao e buona sera da NY.

    Terry

  2. liloniadriano, Reply

    Terry…grazie…..
    Francesco grazie…..e’ stato un grande piacere conoscerti, stasera o mangiato le verdure condite col tuo olio nuovo.
    non occorre che dica altro.
    adriano l’insonne.

  3. liloniadriano, Reply

    h
    dimenticata per strada…..:-O)

  4. francesco travaglini, Reply

    Terry..sì, credo fosse dei Trevisani, abbiamo percorso talmente di corsa il sentiero che non ho memorizzato il produttore.
    Adriano ha promesso una capatina a primavera, chissà se riusciamo ad organizzare questa volta l’incontro dei “sovversivi del gusto”…
    Adriano, le verdure le ho avute “sotto i riflettori” della fiera per 3 giorni, chissà com’erano..

Leave a Reply

*