Siamo arrivati all’ultima spedizione dell’orto estivo.

E’ partita oggi, solo per gli abbonati che avevano ancora un debito di ortaggi. Saranno in consegna domani.

Per noi quella appena terminata, è stata un’esperienza molto bella ed importante anche se… ci ha messo fisicamente alla prova.
Ovviamente non tutto è andato secondo le previsioni ma anche questo era.. prevedibile.
Qualche verdurina manca all’appello, vuoi per un ritardo nelle semine dovuto alla partenza ritardata  legata alle ripetute piogge invernali (aglio, spinaci, cime di rapa), vuoi per bizze climatiche che hanno pregiudicato con fatali sbalzi di temperatura alcune altre verdurine (fagioli e fagiolini).

Abbiamo cercato di compensare queste carenze con maggiori quantitativi di altri ortaggi anche oltre i quanto stabiliti inizialmente.
Qualcuno che ha prolungato le ferie, beato lui, riceverà ancora una o due spedizioni, qualcun’altro invece domani riceverà l’ultima cassettina che  la maggior parte invece ha ricevuto il 4 ottobre.

Con le spedizioni di oggi abbiamo incluso anche il resoconto con tutte le spedizioni e relative pesate, cosa che per la verità, avremmo voluto e dovuto fare prima e più spesso… Per gli altri invieremo una mail.

Poi c’è SDA.
Il nostro corriere,  spesso è stato puntuale, qualche volta distratto (vedi partite dell’Italia), qualche altra volta snervante, in altri casi impotente (quando il caldo si è fatto sentire).
Il bilancio del servizio direi che è sufficiente.
Per le prossime iniziative, proveremo a vedere se qualcun’altro offre un servizio migliore ad un costo accettabile.

Insomma,  noi non possiamo che ringraziarvi sperando che anche per voi sia stata una esperienza positiva.

One Response to “L'ultima spedizione dall'orto estivo, tempo di bilanci.”

  1. Sergio Maistrello, Reply

    Questa settimana termina anche per noi l’esperienza dell’abbonamento all’orto, iniziata con entusiasmo dieci mesi fa. Tempo di bilanci, dice Francesco Travaglini, anima e muscoli del Parco dei Buoi, la tenuta molisana che ha allietato…

Leave a Reply

*