Finalmente riesco a sedermi ed a riassumere una settimana intensissima.

Niente di particolare o nuovo ma… gran lavoro.

Oggi, domenica, proverò a scrivervi di queste cose che in questo post  vi accenno.

Abbiamo raggiunto la "meta": 2500 balle di paglia di grano duro che costituiranno il letto per le nostre pecore durante le fredde notti invernali e non solo.

Orgoglio dello zio Elia che, vi dicevo, ne è il progettista e direttore dei lavori.

L’orto viaggia a vele spiegate con l’approssimarsi della raccolta dei primi peperoni, delle prime melanzane, dei primi fagiolini. I pomodori li abbiamo assaggiati ma il meglio deve arrivare. Sono in arrivo anche i primi fagiolini… i primo i purtroppo sono stati "bruciati" dall’improvviso freddo dei primi di giugno ma anche loro sono in arrivo.

Inoltre, stiamo progettando l’"Orto di Natale": un abbonamento ridotto per ricevere le verdure da consumare nei mesi invernali, dicembre, gennaio e febbraio (cavolfiori, verze, radicchi, cappuccio, finocchi, cime di rapa ecc.). Prestissimo i dettagli per sottoscrivere gli abbonamenti… semine e trapianti non tarderanno.

Gli olivi! Bellissima la fioritura e non male anche l’allegagione, si preannuncia un’annata discreta (per ora possiamo parlare solo di quantità ovviamente). Anche per l’olio è in cantiere una iniziativa: far conoscere a chi non ne ha avuto mai la fortuna, l’olio nuovissimo, gustato il giorno dopo la spremitura.

Le pecorelle! La gran parte stanno per andare in "maternità". Niente più mungitura e riposo prima del parto previsto per ottobre. Presto un bilancio dei primi mesi di produzione di formaggio con il prezioso "bollo CEE".

Anche per il formaggio una iniziativa è in cantiere: 30 forme di formaggio riservate agli internauti.

Allora inizio a scrivere…

2 Responses to “Un pò di….tranquillità!”

  1. gianna ferretti, Reply

    Quante idee Francesco!saluti dall’internauta!:-)

  2. liloniadriano, Reply

    aspetto tua chiamata per la fine di agosto…intanto buon lavoro….e complimenti ancora per l’olio!
    adriano

Leave a Reply

*